PROPAGAZIONE DI SUONO AEREO E VIBRAZIONI

Il rumore viene trasmesso per via aerata ambienti situati in edifici,passando tramite le pareti o spazi comunicanti di più ambienti o per vibrazione se ci riferiamo al rumore derivante da vibrazioni che fanno risuonare le strutture portanti delle abitazioni.

Per intervenire su queste problematiche in modo accurato dobbiamo caso per caso valutare l’effettivo ciclo d’intervento come , per visualizzare il manuale di posa clicca QUI
mentre per i suoni derivanti da calpestio utilizzeremo i tappetini acustici SERIE F – DUETTO – FONOTECH – o l’innovativo sistema GUM GUM SPRAY

 

Nel caso si intenda migliorare l’isolamento ai rumori aerei di una partizione esistente, intervenendo dall’interno dell’abitazione, la soluzione tecnologica maggiormente utilizzata consiste nel posare contropareti o controsoffitti in lastre continue accoppiate a materiale isolante in intercapedine. Le contropareti possono essere autoportanti, montate cioè su struttura metallica indipendente, o direttamente applicate alla partizione con colla o tasselli antivibranti.

Tale tecnologia consente di ottenere con spessori sostanzialmente contenuti (da meno di 2,5 cm) significativi incrementi di isolamento, sia termico che acustico.
In merito al controllo dei rumori l’entità del miglioramento dipende dalla tipologia di controparete adottata, dalle caratteristiche della partizione esistente, dall’incidenza delle trasmissioni laterali e di eventuali ponti acustici oltre, ovviamente, dalla corretta posa in opera della struttura.
Per andare a risolvere i rumori aerei utilizzeremo le lastre ZERO DB GIPS o l’innovativo sistema GUM GUM SPRAY
Per l’effettivo miglioramento possiamo fare riferimento alla scheda tecnica dei nostri prodotti, per visualizzarla clicca QUI

Un rumore impattivo è il risultato acustico di una vibrazione meccanicamente impressa all’elemento divisorio. L’energia indotta da vibrazioni di questo tipo (trasmesse per via strutturale) è di un ordine di grandezza superiore rispetto a quella indotta da vibrazioni trasmesse per via aerea: per questo la sua trasmissione è più di cilmente riducibile.
Per ottenere questo disaccoppiamento spesso si ricorre ai pavimenti galleggianti, che si realizzano mediante l’interposizione di uno strato continuo di materiale isolante (opportunamente dimensionato) tra il massetto (la struttura superiore del solaio, che riceve gli urti) e le altre strutture dell’edificio (quella orizzontale inferiore e quelle verticali adiacenti). E’ però fondamentale, ai fini del mantenimento della prestazione, che il materiale disaccoppiante resista alla compressione per un tempo almeno pari alla vita dell’edificio.

Un’adeguata risposta dinamica del sistema sotto l’azione delle sollecitazioni meccaniche è data dalla massa del massetto e dalle caratteristiche elastiche e dalla capacità dell’isolante di mantenere sostanzialmente inalterate le proprie prestazioni sotto l’azione dei carichi cui è sottoposto. Di conseguenza l’utilizzo di soli massetti in calcestruzzo alleggerito (o in altri materiali “leggeri”) su cui applicare i rivestimenti è decisamente poco e cace, specialmente alle basse frequenze, e può anche comportare problemi di stabilità dei rivestimenti stessi. Anche in questi casi, comunque, la soluzione migliore è l’interposizione di uno strato di materiale isolante opportunamente dimensionato.
Ovviamente è opportuno contenere gli impianti tecnologici entro lo spessore del massetto, così da non “tagliare” lo strato isolante . Normalmente, l’insieme di queste soluzioni rende il solaio su cientemente isolante anche nei confronti dei suoni aerei
Per i suoni derivanti da calpestio utilizzeremo i tappetini acustici SERIE F – DUETTO – FONOTECH – o l’innovativo sistema GUM GUM SPRAY

Ogni intervento di risanamento comporta delle opere murarie più o meno invadenti, però una volta terminati i lavori di riqualificazione edilizia ci ripagheranno con un miglior confort abitativo .